Me, myself and… Books #17

Per una questione ambientale ho ridotto drasticamente l’acquisto di libri cartacei, riservandomi lo sfizio solo su precisi titoli e autori. In fondo, per me, un libro È nel suo contenuto ed in ciò che mi trasmette, la copertina, seppur bella, è irrilevante e sniffare l’odore della carta sarà anche evocativo, ma è l’argomento narrato che approfondisce ed eleva e non certo averlo lì a prender polvere su una mensola. Certamente, in Italia si legge molto poco e tra i lettori la percentuale di chi legge non più di un libro al mese è altissima, ma poiché io non rientro in questa statistica e cerco di impegnarmi per quel che posso nel ridurre la mia impronta carbonica individuale, il 90/95% dei miei acquisti libreschi è in digitale e audio. Spesso, parlando di audiolibri, mi sento dire che mi addormento o non mi concentro o che noia, ma quella orale è la più antica forma per tramandare storie e conoscenza appartenente alla nostra specie, quindi il problema sta tutto nella nostra testa…
Nel suo Come Un Romanzo, lo scrittore francese Daniel Pennac, istituisce i dieci diritti del lettore.
– Il diritto di non leggere
– Il diritto di saltare le pagine
– Il diritto di non finire il libro
– Il diritto di rileggere
– Il diritto di leggere qualsiasi cosa
– Il diritto al bovarismo
– Il diritto di leggere ovunque
– Il diritto di spizzicare
– Il diritto di leggere ad alta voce
– Il diritto di tacere
Direi che ad oggi, il saggio uscì in versione originale nell’ormai lontano 1992, possiamo aggiungere un 11) Il diritto di leggere in qualsiasi formato! Ed anche il diritto di approfittare delle moltissime promozioni estive. Io l’ho fatto, concedendomi per quest’anno la quota di cartacei comprati. In realtà la quota è stata un po’ oltrepassata, ma le offerte trovate erano troppo invitanti e vorrà dire che di cartacei sarò a posto per almeno un anno e più!

Ho pensato di consigliare uno o due titoli per le offerte che trovo più ghiotte e di cui io stessa ho approfittato. Non scriverò quindi vere opinioni di libri, ma piuttosto un piccolo suggerimento nel caso qualcuno volesse concedersi un acquisto libresco.
Neri Pozza, dal 5 Luglio al 4 Agosto, parte con Sconti all’orizzonte; tutti i libri del catalogo, escluse le novità degli ultimi sei mesi, hanno uno sconto del 20 % sul prezzo di copertina. Due titoli di cui mi sento di dare lo spunto sono La sesta estinzione. Una storia innaturale di Elizabeth Kolbert e Sul lettino di Freud di Irvin D. Yalom. Elizabeth Kolbert, giornalista classe 1961, ha vinto il Pulitzer proprio con questo titolo dove racconta, con stile comprensibile e arguto, il suo viaggio alla ricerca di risposte e prove all’impatto della nostra specie sul pianeta, sulle altre specie e soprattutto sull’infausto destino che ci siamo auto-costruiti. Irvin David Yalom, classe 1931, psichiatra di scuola esistenzialista e docente presso la Stanford University, in questo titolo usa personaggi fittizi per sbrogliare ciò che accade sul lettino del terapeuta, ciò che si viene a stabilire tra paziente e psicologo/psichiatra ed anche per parlare un po’ della storia della psicoterapia.
Adelphi, oltre a mettere in sconto una lunga lista di libri, regala delle borse in tessuto. Qui ammetto di aver ceduto ad un corposo acquisto, ma Adelphi è una delle mie CE preferite e la scelta è stata assai ardua! Scegliere solo due titoli è davvero, davvero difficile! Némirovsky, Simenon, Sacks, Feynmam, Nabokov, Groucho, Fermor, Quammen, Calasso, Borges, i fratelli Singer, Arbasino, Bennett, Gadda, Sam Kean, Chatwin, Gogol’, Zweig, Colette, Sciascia… troppi! Cercando di restringere il campo a solo due titoli, suggerisco La vita immortale di Henrietta Lacks di Rebecca Skloot e La mia famiglia e altri animali di Gerald Durrell. Quest’ultimo è stato un noto naturalista e zoologo che scrisse sia saggi che romanzi; La mia famiglia e altri animali è il primo titolo della cosiddetta trilogia di Corfù, dove la famiglia Durrell visse tra il 1935 ed il 1939. Con ironia e leggerezza, l’autore parla della madre e dei fratelli in quel periodo greco e della sua sempre più crescente passione per gli animali. La vita immortale di Henrietta Lacks è il racconto di una storia vera e di tutto ciò che ad essa ruota attorno; nel 1951 a Baltimora, Maryland, una giovane donna muore a causa di un tumore alla cervice uterina. Come da comune prassi in quei tempi, dei campioni cellulari vengono prelevati. Potrebbe essere una storia come tante, ma così non è. Le cellule di Henrietta sopravvivono e vengono definite, per alcune specifiche, immortali. L’inizio di una incredibile evoluzione per la ricerca medica, ma al contempo una successione di drammatici eventi per i cinque figli ed il marito che restano orfani e vedovo così prematuramente (queste righe sono parte della opinione che all’epoca scrissi su GoodReads).
Ogni mese Newton Compton mette in offerta degli eBook; per questo luglio ci sono, interessanti,
I magnifici 7 capolavori della letteratura russa, tra gli autori c’è Puškin il padre della letteratura russa; Tutte le fiabe dei fratelli Grimm; Dostoevkij con QUATTRO romanzi, tra cui lo splendido Le Notti Bianche e l’onirico Il sogno di un uomo ridicolo; I magnifici 7 capolavori della letteratura tedesca, con, tra gli altri, Stephen Zweig la cui prosa è pura delizia forbita e Robert Musil, qui al suo esordio letterario.
Il Saggiatore, fino a fine scorte, per l’offerta Un libro bianco vale doppio, dà venti titoli in promozione prendi due paghi uno. L’accoppiata che consiglierei è composta da Il cosmo della mente (dall’infinitamente piccolo all’inspiegabilmente grande, la storia dell’universo e di tutto ciò che esso contiene, Homo Sapiens compreso) e Breve storia dell’ubriachezza, perché l’alcol è onnipresente nella nostra storia, sia essa reale o finzione. In realtà ne avrei mille altri di titolo da evidenziare, ma direi che per il momento basta. Buoni, eventuali, acquisti e soprattutto buone letture!

10 pensieri su “Me, myself and… Books #17

  1. Anch’io in effetti a casa non ho più posto.
    Bel dilemma: che fare?
    Non amo gli ebook, ma potrebbe (nel mio caso) diventare un “male” necessario…

  2. Sono tanti anni che ho il kindle e lo uso prevalentemente in trasferta, per ovvie ragioni di volume, però la verità è che non sono riuscita ad affezionarmi. La mia preferenza assoluta va ai libri di carta.

  3. Sono anni oramai che leggo i libri in formato eBook per appunto una questione di spazio anzi, di non spazio nelle librerie di casa e dovessi dirti, mi sono talmente abituata all’eBook che oramai lo adoro anche dal punto di vista del peso del volume 😉 Buon proseguimento di serata cara Lu 😊

  4. Io che sono in perenne ritardo ho scoperto Pennac da pochissimo ma in tempo per sposare i diritti del lettore. inclusa la tua aggiunta.
    Impeccabile osservazione il riferimento alla tradizione orale.
    E io sinceramente non mi sono addormentata con gli audiolibri.
    GRAZIE anche per le preziose dritte!

I commenti sono chiusi.